There's no point to any of this. It's all just a... a random lottery of meaningless tragedy and a series of near escapes. So I take pleasure in the details. You know... a Quarter-Pounder with cheese, those are good, the sky about ten minutes before it starts to rain, the moment where your laughter become a cackle... and I, I sit back and I smoke my Camel Straights and I ride my own melt.

sabato 28 aprile 2012

Stracult&Stracotti: un campione va su, una campionessa va giù!


Stracult e Stracotti …ovvero la serie che questa settimana va su e quella che inevitabilmente va giù. Parola di Stargirl su Telefilm Cult!


Lo Stracult della settimana si è concluso il 5 aprile 2011. Nessun errore di battitura, infatti è l’11 gennaio dello scorso anno quando debutta sulla rete televisiva americana FX, Lights Out, uno sport-drama che racconta la storia di Patrick “Lights” Leary un grande campione di boxe, che dopo aver perso ingiustamente il titolo al termine di un incontro ed essersi ritirato dal mondo del pugilato, è costretto a ritornare sul ring per non affondare nel mare di debiti in cui sta sprofondando. La serie si concluse dopo i 13 episodi previsti della prima stagione ma non venne rinnovata a causa di ascolti troppo bassi. Così come il protagonista perde il titolo senza giusta causa, anche Lights Out è stata costretta a chiudere i battenti troppo frettolosamente: per nostra fortuna la serie riesce a trovare una conclusione (seppure con finale aperto) risultando così godibile nel complesso.
Lights Out è una storia dura, sincera e appassionata: è il ritratto onesto di un uomo che si ritrova a fare i conti con i suoi errori. Messo alle corde, Patrick (interpretato da un eccellente Holt McCallany) è costretto a prendere delle decisioni che avranno delle ripercussioni drammatiche sulle persone che ha intorno e sul suo stesso fisico. Se il cinema può vantare pellicole come The Fighter e The Wrestler, il piccolo schermo può andare fiero di questo anti-eroe, tutto cuore, muscoli, rabbia e orgoglio irlandesi.
A poco più di un anno dalla conclusione, lo show viene riproposto  finalmente anche in Italia, a partire dal 29 aprile su Fox, con il titolo Fuori dal Ring (pessimo, come sempre, l’adattamento italiano). Una vera chicca che nessun appassionato del genere, e non, può lasciarsi sfuggire.



Shonda Rhimes è la regina indiscussa del medical drama, questo nessuno può negarlo. Lo ha dimostrato, e continua a farlo brillantemente, con Grey’s Anatomy, ne ha dato conferma con Private Practice e tutto sommato, nonostante i punti deboli del caso, lo ha sottolineato anche con Off The Map.
Stavolta però, la cara Shonda, ha fatto il passo più lungo della gamba e con Scandal, attesissima serie di questa primavera, si è data la zappa sui piedi da sola.
Al centro dello show, Olivia Pope (Kerry Washington), agguerrita avvocatessa di Washington D.C., a capo di una sorta di “task force” di legali, impegnati più a evitare che i loro clienti finiscano in tribunale che non a far sì che la giustizia trionfi. Un gruppo di “gladiatori in giacca e cravatta” come loro stessi amano definirsi, disposti a scendere a compromessi più o meno immorali e a ricattare nemici e clienti, pur di raggiungere i loro scopi.
Avvocati per nulla credibili e convincenti, a partire dalla protagonista stessa, personaggio piatto e prevedibile, fin troppo algido e distaccato per apparire anche un minimo accattivante.
Personaggi freddi e indisponenti, per cui risulta davvero difficile nutrire un briciolo di simpatia, nonostante il cast vanti la presenza di Henry Ian Cusick, il celebre, e tanto amato, Desmond di Lost.
La regia frenetica e i dialoghi rapidi (troppo) e prolissi, non giovano certo alla serie, scadente sotto tutti i punti di vista e dai risvolti inevitabilmente scontati. Stracotta, proprio come Shonda Rhimes al momento. 

1 commento:

Marco Goi (Cannibal Kid) ha detto...

lights out me l'ero visto per scrivere una rece. molto valido, però non mi ha appassionato del tutto.
scandal non mi attira molto e a quanto dici tu è appunto scandaloso, quindi non so se lo recupererò..