There's no point to any of this. It's all just a... a random lottery of meaningless tragedy and a series of near escapes. So I take pleasure in the details. You know... a Quarter-Pounder with cheese, those are good, the sky about ten minutes before it starts to rain, the moment where your laughter become a cackle... and I, I sit back and I smoke my Camel Straights and I ride my own melt.

sabato 7 gennaio 2012

Serie top e serie flop: Parenthood e Dexter

Stracult e Stracotti …ovvero la serie che questa settimana va su e quella che inevitabilmente va giù. Parola di Stargirl su Telefilm Cult!




Giunto a metà della terza stagione indenne e senza aver perso colpi, Parenthood, la serie firmata Jason Katims (Friday Night Lights) merita questa settimana un posto d’onore negli Stracult, in vista soprattutto della crisi attraversata dal family drama, Desperate Housewives docet. Stabile sugli oltre cinque milioni di spettatori, risultato ottimo per un network come la Nbc, la saga dei Braverman che conta tra i suoi protagonisti attori eccellenti come Peter Krause, Lauren Graham e Monica Potter, piace al pubblico perché racconta con delicatezza e intensità, gioie e dolori della moderna famiglia americana, dando vita a una storia corale ricca di spunti interessanti. Rilettura contemporanea dell’omonimo film diretto da Ron Howard nel 1989, Parenthood conta su una sceneggiatura forte e ben strutturata, un cast invidiabile e una regia impeccabile, elementi che uniti insieme, lo rendono una delle migliori prime time novel della tv d’oltreoceano.

In cuor mio non mi sarei mai aspettata di scriverlo, tantomeno di pensarlo, ma il momento è arrivato anche per una delle tre migliori serie realizzate negli ultimi anni: Dexter, la cui sesta stagione appena conclusa, finisce purtroppo nella categoria Stracotti. Per lo show interpretato dall’incredibile Michael C. Hall, una piccola battuta d’arresto, dovuta più che altro all’altissimo livello qualitativo cui ci ha abituato dalla prima stagione a oggi, che quest’anno è venuto meno, vuoi per la troppa carne al fuoco nelle storyline secondarie, vuoi per un killer (Colin Hanks) per nulla all’altezza di Trinity e dei suoi predecessori.
Una sceneggiatura a tratti approssimativa e a tratti confusa, non rende onore a uno dei migliori personaggi del piccolo schermo, nonostante le interessanti premesse: l’ennesimo confronto tra uomo di fede e uomo di scienza, tema già affrontato in diverse salse anche in altre serie tv, da Lost a The Walking Dead, aveva gettato le basi a una stagione introspettiva e riflessiva, risolta invece troppo velocemente.
Un anno di transizione, in cui lo stesso Hall appare sottotono e meno brillante del solito, ma ugualmente convincente nel dare voce e anima al suo personaggio che nonostante tutto riesce a risultare intenso e convincente anche in piena crisi del “sesto anno”. Armiamoci quindi di speranza e ottimismo e auguriamoci che la prossima stagione per l’ematologo più controverso della storia, possa essere quella della rinascita.

6 commenti:

MrJamesFord ha detto...

Concordo in pieno su Dex.
Peccato, una stagione davvero bruttina, con l'episodio peggiore della sua storia: Nebraska. Pessimo.

Strawberry ha detto...

Non ho mai visto nessuna delle due e me ne dispiaccio. Ho amici innamorati di Dexter e sinceramente stavo per iniziare una maratona, stagione su stagione, per mettermi in pari...spero ne varrà la pena...:-)

Marco Goi (Cannibal Kid) ha detto...

parenthood ultimamente l'ho lasciato un po' da parte, però è una serie sempre su ottimi livelli.
dexter ormai è alla frutta e temo che la prossima stagione potrebbe peggiorare ancora, almeno se continuano con la farsa della storia tra dex e debra...

Stargirl ha detto...

@Ford: sono d'accordo, Nebraska è il peggior episodio di sempre. Inutile e slegato dal contesto. pessimo.

@Strawberry: aldilà della sesta stagione, Dexter è un capolavoro assoluto

@Cannibale: concordo sul fatto che la "storia" tra Dex e Deb sia una trovata ridicola e penosa, spero la tonchio sul nascere. So che il tempo a disposizione è poco, ma recupera Parenthood se riesci, merita sempre tantissimo!

Asmo ha detto...

mmm... non concordo su Dexter.
Farò la voce fuori dal coro ma a me è piaciuta molto di più questa di tante altre prima.
Un motivo su tutti? Veloce e dinamica, rispetto alle altre. Non c'è stata puntata in cui mi sia addormentato a metà e non ha le solite dilungazioni palloso filosofiche di cui interessa poco ormai ad una sesta stagione.
Devo però ammettere che è anche l'unica volta che l'ho vista in lingua originale mentre le altre le ho viste in ita. Sarà la novità della lingua originale che me l'ha fatta apprezzare di più? ;)

Concordo sul cattivo della situazione non all'altezza e concorso sul pessimo episodio Nebraska (anche se sono sicuro che tuo cognato lo apprezzerebbe solo per il nome :D).

Ultimi 3 secondi della serie, in ogni caso, assoluti, con la sua esclamazione che fa da contrappasso a tutta la circostanza: è bastata quella per dare un senso ad una stagione intera. :D

Stargirl ha detto...

Io con Dexter non mi sono mai e poi mai addormentata, non capisco come a te possa esser successo! :-O
Cmq nopn ho detto che non mi sia piaciuta, semplicemente l'ho trovata (come quasi tutti) sottotono e non all'altezza delle altre, ma senza dubbio dignitosa e bene fatta.
E comunque si, probabilmente ha contato molto il fatto che tu l'abbia vista in lingua orignila. non c'è il minimo paragone. D'accordo con te sul fatto che gli ultimi tre secondi siano epic!