There's no point to any of this. It's all just a... a random lottery of meaningless tragedy and a series of near escapes. So I take pleasure in the details. You know... a Quarter-Pounder with cheese, those are good, the sky about ten minutes before it starts to rain, the moment where your laughter become a cackle... and I, I sit back and I smoke my Camel Straights and I ride my own melt.

martedì 11 settembre 2012

9/11: never forget


New York non è una semplice città, New York è un mondo intero,
è il bene e il male, è il bianco e il nero.
New York è il paradiso e l'inferno.

Ti toglie il fiato, ti riempie il cuore, ti cambia per sempre.
New York è il primo amore, il sogno di una vita, il ricordo indimenticabile.




"È un mito, la città: le stanze e le finestre, le strade che eruttano vapore:
per ciascuno, per chiunque, un mito diverso, la testa di un idolo con occhi
di semaforo che ammiccano un tenero verde, un cinico rosso.
Questa isola, galleggiante su acqua di fiume come un iceberg di diamante,
chiamatela New York, chiamatela come vi pare: il nome non importa poiché,
arrivando dalla maggiore realtà dell'altrove, uno va alla ricerca soltanto di una città,
di un posto dove nascondersi, dove smarrire o scoprire se stesso,
per fabbricare un sogno all'interno del quale dimostrare che, dopo tutto,
non sei il brutto anatroccolo, ma un essere meraviglioso e degno di essere amato".

                                                                                                 
                                                                                                  - Truman Capote -

1 commento:

newmoon35 ha detto...

Sottoscrivo in pieno quello che hai scritto, compresa la citazione.E' una città che rimane addosso, attaccata sulla pelle.
E mi associo al tuo never forget.